Il Marketing non è solo Comunicazione

Il Marketing non è solo Comunicazione

2'

In un mio articolo precedente ho parlato della strategia di comunicazione. Prima di addentrarsi nella definizione della stessa, è bene ricordare alcuni concetti chiave del “marketing”, che spesso molti confondono con “comunicazione”.

Si palesa una sorta di conflitto che coinvolge non soltanto i profani ma anche molti professionisti. Stiamo parlando di quell’approccio concettuale con il quale, molti addetti ai lavori, dimostrano di non avere ben chiara la differenza tra comunicazione e marketing.

Le due cose vengono spesso trattate con esemplificato gemellaggio, senza procedere a una corretta identificazione che le rende complementari ma dipendenti. Si può asserire che la comunicazione è in sostanza, uno degli aspetti integrati nel concetto di marketing. Determinante come elemento distintivo ma comprensivo in un sistema più grande.

Il marketing è il soddisfacimento profittevole dei bisogni (Kotler). Si tratta dell’insieme di attività, istituzioni, persone e processi volti alla creazione, alla comunicazione e allo scambio di offerte che hanno valore per acquirenti, clienti, partner e la società in generale (Wikipedia).

Marketing non è nemmeno sinonimo di vendita. Lo scopo del marketing è quello di rendere superflua la vendita (Kotler), fino ad arrivare a comprendere e conoscere il cliente al punto che il prodotto o il servizio sia tanto adatto alle sue esigenze da vendersi da solo (Kotler).

Altri concetti chiave legati al marketing sono: bisogni, desideri e domanda.

I bisogni sono le necessità umane: aria, cibo, acqua, vestiti, casa, sicurezza, accettazione sociale, autostima, ecc.

Il marketing non crea i bisogni, li influenza.

I bisogni diventano desideri nel momento in cui vengono identificati con uno specifico prodotto o servizio che li può soddisfare. Per esempio il bisogno di comunicare può essere soddisfatto dal desiderio di possedere uno Smartphone. La domanda invece, riguarda il desiderio rivolto a specifici prodotti o marchi, accompagnato dalla capacità di pagarli. Si può per esempio desiderare un iPhone, senza poterselo permettere; in quel caso non si rientra nella domanda.

Ci si riferisce invece al marketing mix (o alle 4P del marketing) quando si parla di Prodotto, Prezzo, Distribuzione (Place in inglese) e Comunicazione (Promotion in inglese).

Negli ultimi anni, grazie alla sensibilizzazione delle aziende nei confronti dei propri clienti, probabilmente anche in virtù del contatto bi-direzionale che è possibile instaurare tramite i Social Media, si parla spesso delle nuove 4P del marketing, che si aggiungono alle 4 esistenti: Persone, Processi, Performance, Filosofia (Philosophy in inglese, a volte sostituito con Programmi).

Il focus si sposta dal prodotto e i suoi annessi alle persone e ai loro paradigmi.

Il marketing, la scienza che studia il mercato e le sue interazioni, si adegua.

Loading Disqus Comments ...
Loading Facebook Comments ...

No Trackbacks.